Differenziali di terra

» 26.236 Commenti

I riduttori toroidali di corrente sono studiati per l’abbinamento con relè  differenziali.

 

I relè differenziali monitorano le correnti differenziali (correnti di dispersione verso terra causate da difetti di isolamento) negli impianti elettrici e segnalano quando queste superano un determinato valore.

I relè differenziali danno la possibilità al gestore dell’impianto di riconoscere anomalie e di eliminarle prima che si verifichi un’improvvisa disinserzione.

Il relè è quindi un dispositivo elettrico comandato dalle variazioni di corrente per influenzare le condizioni di un altro circuito: il riduttore toroidale di corrente.

 

Il principio di funzionamento del riduttore toroidale è noto e consiste nel realizzare un avvolgimento di filo conduttore attorno ad un nucleo di materiale magnetico e facendo percorrere il filo da corrente;

all’interno del nucleo si origina un flusso magnetico il cui verso dipende dal verso della corrente.

E’ possibile invertire il flusso magnetico invertendo il verso della corrente oppure quello delle spire.

 

I riduttori toroidali di corrente sono costruiti con un nucleo (chiuso o apribile) ed è costituito da lamierini di ottime qualità magnetiche (mu-metal ,  il silicio amorfo, e il silicio nano cristallino) che permette di rilevare anche correnti di guasto di valore molto basso.

 

Alcuni toroidi hanno due avvolgimenti, uno per il prelievo del segnale di guasto da inviare al relè differenziale, l’altro per effettuare prova di funzionalità. L’eventuale prova che utilizza questo secondo avvolgimento viene realizzata tramite specifici modelli di relè; viene prelevato un segnale dal relè differenziale che è inviato sull’avvolgimento di prova, questo segnale genera un flusso equivalente a quello di un guasto che rilevato dall’altro avvolgimento, viene rinviato al relè e ne provoca l’intervento.

Nell’ambito industriale si suddividono gli impianti in zone per realizzare una protezione selettiva, in modo tale che un guasto in una zona provochi l’intervento del solo differenziale a protezione della zona stessa, senza coinvolgere l’intero impianto.

scritto il 14 feb, 2012  •  Categoria: Differenziali di terra

Articoli Random